ASTROLOGIA SIDERALE 1

 

Il cielo sopra di noi è sempre esistito, assistendo alla nostra evoluzione, spettatore silenzioso di ciò che abbiamo vissuto e conosciuto, ma anche di ciò che ci ha preceduti in migliaia di anni di storia e sarà ancora lì nel futuro lontanissimo, indipendentemente dalla nostra presenza e dalle nostre opinioni…

Le conoscenze che ci sono state tramandate dai popoli antichi sugli astri, sono stupefacenti, se messi in relazione con i loro strumenti di osservazione molto limitati e sono molte le domande che ci si pongono sulle fonti di tali informazioni.

Gli intrecci tra elementi astrali e mitologia destano stupore, soprattutto quando si tentano verifiche. I nomi dei pianeti sono presenti nella mitologia greca ed erano i nomi di divinità con peculiarità ben definite, che regolavano e spesso intervenivano nelle vicende umane… Leggende, frutto della fantasia, prive di qualsiasi attendibilità, dicono gli scienziati… Resta il fatto, che quando sono stati scoperti i pianeti oltre Saturno, disponendo di strumenti di osservazione progressivamente più potenti, sono stati denominati Urano (scoperto nel 1781), come il dio del cielo, Nettuno (nel 1846), come il dio del mare e Plutone (nel 1930), come il dio dell’oltretomba… Perché sono stati chiamati così? Ma il fatto più misterioso, per chi crede, è che essi esercitano influssi, in un oroscopo, in totale accordo con  le caratteristiche attribuite alle divinità dell’Olimpo.

Gli scienziati negano che agglomerati di materia rocciosa e gassosa, quali sono gli astri, possano condizionare i nostri destini, ma questa, secondo me, è presunzione; non si dovrebbe negare, ma porsi in una posizione di dubbio e apertura nei confronti di sviluppi scientifici futuri, che avvalendosi di tecnologie più avanzate, saranno in grado di verificare l’esistenza di forze, che oggi, seppur non dimostrabili, agiscono comunque. Le stesse dinamiche presenti nei microsistemi, sono simili a quelle che regolano i macrosistemi: il Sole tiene in orbita Plutone e tutti i pianeti fra essi compresi, come il nucleo di un atomo tiene in orbita gli elettroni, in un’interazione di reciproca influenza… tutti gli elementi presenti in queste relazioni sono investiti di questa carica energetica (e/o vibrazionale) che agisce a tutti i livelli, in cui l’elemento casuale è raro, anche se non assente.

Ci sono forze incomprensibili e non dimostrabili, che tuttavia producono effetti evidenti… l’Amore é una di queste; per quanto uno scienziato tenti di analizzare e sezionare l’Amore, per spiegarne le sue leggi, rimarrà impotente di fronte al mistero… e forse é bene che sia così…
Ma potremmo riempire pagine infinite su questo argomento, quindi, per proseguire, dobbiamo dare per scontate alcune acquisizioni e rimandare ad altra sede e ad altro tempo eventuali dissertazioni…

(Continua)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *